Le vaccinazioni costituiscono uno dei più efficaci interventi di prevenzione nei confronti di alcune malattie infettive. L’efficacia dei vaccini per la profilassi delle malattie infettive è dovuta alla capacità, una volta somministrati, di stimolare l’organismo umano, attraverso il sistema immunitario, a produrre anticorpi e/o specifiche cellule che agiscono contro i microrganismi responsabili delle infezioni.

Pertanto la vaccinazione è in grado di proteggere il soggetto dallo sviluppo della corrispondente malattia infettiva, ma anche di ridurre la circolazione degli agenti infettanti e quindi di proteggere la collettività (“immunità di gregge”), assumendo quindi un importante valore sociale (Comitato Nazionale per la Bioetica).

Le vaccinazioni di massa infatti agiscono come strumento per la protezione oltre che dei singoli anche di coloro che per ragioni mediche o per altri motivi non ricevono le vaccinazioni.

In particolare quando il 95% o più dei soggetti suscettibili (cioè non protetti e quindi in grado di ammalarsi) è vaccinato il germe non trova più ospiti disponibili a riceverlo, perché tutti sono immuni e quindi non riesce più a sopravvivere o riprodursi: si va quindi incontro alla scomparsa della malattia infettiva.

I vaccini possono peraltro comportare l’insorgenza di alcuni problemi, che è necessario conoscere prima del loro utilizzo. Infatti, così come avviene per altri prodotti farmaceutici, i vaccini possono essere controindicati o indurre l’insorgenza di effetti collaterali. Ci sono alcune vaccinazioni obbligatorie (antipoliomielitica, antitetanica, antidifterica, antiepatite B), e altre raccomandate (antipertosse, antiHaemophilus, antimorbillo, antirosolia, antiparotite, antipneumococco, antimeningococco, antipapilloma virus), così come indicato dall’OMS, dal Ministero della Salute, dalla Regione Lombardia.

Le vaccinazioni dell’infanzia in relazione a quanto stabilito dal Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale (PNPV) 2012-2014 e dalla Deliberazione Regionale N° IX/4475 del 05/12/2012, hanno inizio nel corso del terzo mese di vita e comunque dopo il compimento dei primi due mesi.

Il bambino, seguendo il calendario vaccinale, potrà costruire le sue difese contro le malattie per le quali è stato vaccinato. Le dosi di richiamo, quando previste, sono importanti affinché l’immunità acquisita si consolidi nel tempo.

Le vaccinazioni obbligatorie sono gratuite, mentre quelle facoltative sono a pagamento (ad eccezione di quelle antipneumococcica e meningococcica che fino a 18 anni sono offerte gratuitamente).

Le prestazioni vengono effettuate previo appuntamento.

Il rilascio dei certificati è gratuito.

link go  Guida alle vaccinazioni dell'infanzia

link go Organizzazione della attività di vaccinazione contro i differenti ceppi meningococco

link go Disposizioni urgenti in materia di prevenzione vaccinale. DECRETO-LEGGE 7 giugno 2017, n. 73

 

Sedi Distrettuali di erogazione del servizio
 

Busto Arsizio

Viale Stelvio, 3

Caronno Pertusella

Via Adua, 169

Cassano Magnago

Via Buttafava, 15

Gallarate

Corso Leonardo da Vinci, 1

Lonate Pozzolo

Via Cavour, 21

Saronno

Via Manzoni, 23

Somma Lombardo

Via Cavour, 2 (ang. Via Fuser)

Scroll Up