Home  //  Psichiatria -UOP 05

tel. 02 9613502 - fax 02 9613507

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Mappa dell'Ospedale

            Mission e Attività

Obiettivo e finalità degli interventi sono:

  • Tutelare e promuovere la salute mentale
  • Curare il disagio e il disturbo psichico
  • Riabilitare le conseguenze invalidanti della malattia e favorire il reinserimento sociale.

La UOP di Saronno, è afferente al Dipartimento Sanitario Aziendale di Salute Mentale: la UOP è formata da vari Servizi che verranno presentati di seguito con schede monografiche:

Attività residenziale:

Gli operatori coinvolti nei vari Servizi sono psichiatri, infermieri, psicologi, educatori, assistenti sociali, OTA/OSS.

Alcuni dati sull’attività generale 2012:

- giornate di ricovero presso il reparto 4.600

- attività ambulatoriale 30.000 visite

- giornate di ospitalità presso le comunità (CRA, CPM, RL): 11.300

Responsabile Dott. MARCO GOGLIO, e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  - tel. 02 9613506

Staff Medico

Dott.ssa Barberi Angela

Dott. Bolongaro Giorgio

Dott.ssa Capra Elisabetta

Dott. Cocucci Elio

Dott.ssa D’Angelo Palma

Dott.ssa Ferrari Lara

Dott.ssa Giudici Laura

Dott.ssa Lucano Melissa

Dott. Manfrè Sergio

Articolazione attività

Reparto di degenza: vedi struttura SPDC

Attività Ambulatoriale: vedi CPS

Residenzialità psichiatrica: vedi CRA-CD, CPM, RL

Vi segnaliamo:

la consultazione di due testi scritti da operatori, utenti, familiari e volontari consultabili e scaricabili gratuitamente su: www.ericksonlive.it

- “Dottore non sono di psichiatria! Consapevolezza di utenti con disagio psichico” (2011)

- “Quando 1 +1 fa 3. La psichiatria nella logica del Fareassieme” (2012)

Siti di associazioni che collaborano con la UOP:

- “AsVAP4” (Associazione Volontari per l’Aiuto agli Ammalati Psichiaci): www.Asvap4.it

- Associazione di utenti “Il Clan/Destino”: www.il-clan-destino.it

- Cooperativa di utenti Facilitatori Sociali: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

SPDC Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura

Padiglione verde Piano 5°

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel.: 02 9613502 - fax: 02 9613507

Responsabile Dott.ssa LARA FERRARI, e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  - tel. 02 9613505

Coordinatore Infermieristico Inf. ILVIA LA POLLA, e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - tel. 02 9613501

              Attività

E’ il reparto ospedaliero che accoglie persone con disagio psichico in fase acuta per fare una diagnosi e attuare una terapia. Vi lavorano medici psichiatri, infermieri, OSS, ASA, supporto di consulenze psicologiche.

Il reparto ha 15 posti letto. Nel 2012 le giornate di ricovero sono state 4.600 per un totale di 390 pazienti, con una durata media di ricovero di circa 12 giorni a paziente.

I ricoveri sono di regola volontari e più raramente coatti (Trattamento Sanitario Obbligatorio).

Il SPDC condivide col resto dell’ospedale tempi, procedure, servizi e organizzazione; il lavoro è orientato alla diagnosi e alla cura del disturbo mentale.

Le cure prestate sono prevalentemente di natura farmacologica ma lo stile di lavoro è determinato da una cultura psichiatrica e psicoterapica attenta ai bisogni del singolo e al sistema di relazioni tra pazienti, tra operatori, tra operatori e pazienti; tale attenzione fa del gruppo di lavoro il primo strumento terapeutico.

L’accudimento del paziente, attuato nel piano di assistenza infermieristica, costituisce l’altro strumento della pratica psichiatria nel contesto ospedaliero.

Sono previste anche attività di gruppo terapeutiche di tipo cognitivo comportamentale e attività di risocializzazione promosse con la collaborazione di Associazioni di volontari e utenti.

Il SPDC offre un lavoro di consulenza negli altri reparti e in Pronto Soccorso.

Le malattie che arrivano al nostro reparto sono: psicosi acute, gravi depressioni, stati ansiosi gravi, disturbi di personalità. Il reparto non si occupa di tossicodipendenza e di alcol dipendenza (a meno che non ci sia un programma concordato col SERT); non si occupa di demenze a meno che la componente psichiatrica non sia compresente e prevalente.

           

 

       Informazioni utili

 

Orario ingresso visitatori

 

 

Come si accede

Attraverso accesso in Pronto Soccorso.

Spesso il ricovero è mediato dall’ambulatorio CPS (per utenti in carico) o dal Medico di Medicina Generale

 

Orario colloqui

Per il colloquio con i sanitari è richiesto appuntamento da concordare telefonicamente al n° 02 9613502.

 

Documentazione richiesta

  • Documento di identificazione (Carta di Identità)
  • Carta Regionale dei Servizi (Tessera Sanitaria)
  • Eventuale documentazione sanitaria precedente (cartelle cliniche, esami, terapie).

Alla dimissione viene rilasciata lettera da consegnare al medico curante.

Occorre portare pigiama, necessaire, vestiti di ricambio per il giorno, eventuali libri.

 

Servizio Territoriale: CPS Centro Psico Sociale di Saronno

Situato all’esterno dell’Ospedale in via Don Bellavita 23, Saronno (VA)

e-mail:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel. 02 9605341 - fax 02 9605341

Responsabile Dott.ssa LAURA GIUDICI, e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - tel. 02 9605341

Coordinatore Infermieristico Inf. NICOLA BELOTTI, - tel. 02 9605341

              Attività

Ogni Unità Operativa di Psichiatria è dotata di almeno un CPS che rappresenta il presidio socio sanitario territoriale in cui si realizza la presa in carico del paziente psichiatrico. Esso opera interagendo con le agenzie sociali del territorio (Comuni e altre risorse associative) in relazione ai bisogni socio-sanitari inerenti alla salute mentale. Realizza e coordina le attività ambulatoriali psichiatriche, le attività psicoterapiche, le attività riabilitative e di risocializzazione, le attività domiciliari e gli interventi sulle situazioni di crisi.

Mission del CPS è la prevenzione, la cura e la riabilitazione dei disturbi psichici in età adulta.

  • Prevenzione Primaria con interventi di educazione sanitaria e ( cosa più difficile in psichiatria che in altri settori della medicina) con interventi mirati alla individuazione ed eliminazione dei fattori di rischio.
  • Cura (prevenzione secondaria) con interventi di individuazione della patologia emergente e di trattamento terapeutico (farmacologico,psicoterapico,sociale). Il paziente segue tre tipologie di percorso a seconda del bisogno/disagio presentato: consulenza, assunzione in cura, presa in carico.
  • Riabilitazione (prevenzione terziaria) con interventi volti a ridurre le conseguenze della malattia mentale e a recuperare le abilità sociali, lavorative e relazionali.
  • Reinserimento nel contesto sociale delle persone con disturbi psichici con interventi di supporto alle famiglie e di attivazione del privato sociale e del volontario.

In ambulatorio vengono curate psicosi schizofreniche, depressioni gravi e lievi, nevrosi (ansie, fobie, ossessioni), disturbi del carattere.

Al CPS compete la progettazione del percorso terapeutico, condivisa con l’utente e con i familiari.

Le psicoterapie e le visite domiciliari sono riservate a particolari casi decisi dal gruppo curante

Nel 2012 le visite ambulatoriali sono state 30.000.

Il personale che lavora nel CPS è formato da psichiatri, psicologi, infermieri, assistenti sociali, educatori.

            Informazioni utili

Orari: dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 17,30 e dalle 17,30 alle 19 su appuntamento; il sabato dalle 8 alle 13

Il giovedì mattina il CPS viene chiuso al pubblico per consentire la riunione dell’Equipe curante.

L’accesso è semplice: una telefonata per fissare l’appuntamento oppure presentandosi di persona, entro le ore 16,30 dei giorni feriali ed entro le ore 12 del sabato; in questo primo contatto viene effettuato un colloquio con l’infermiere e fissato l’appuntamento con il terapeuta.

Non è indispensabile avere l’impegnativa del Medico di Medicina Generale anche se consigliabile per meglio rispondere alle esigenze del paziente.

Portare con sé:

  • Carta d’Identità
  • Tessera Sanitaria
  • eventuali esenzioni
  • documentazione clinica precedente

 

Comunità Riabilitativa Alta intensità (CRA) e Centro Diurno (CD)

Situata all’esterno dell’Ospedale in Via Don Bellavita, 23 - Saronno (VA)

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel. 02 96703809

Responsabile Dott.ssa ELISABETTA CAPRA, e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - tel. 02 96793809

L’équipe è composta da psichiatri, psicologo, infermieri, educatori.

Nella fascia notturna viene garantita la presenza di due operatori (Infermiere e OSS).

Coordinatore infermieristico Inf. CARMELA MONTELEONE, e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  - tel. 02 96703809

              Attività

Il CRA è una comunità residenziale aperta che svolge il proprio intervento su 20 utenti, nell’ambito della salute mentale, con programmi terapeutico-riabilitativi a termine e su obiettivi specifici ed individuali (come sottolineano i Progetti Obiettivi dagli anni Novanta).

Accanto alla residenzialità, il CRA di Saronno, offre la possibilità di programmi riabilitativi di semi-residenzialità (Centro Diurno), al fine di favorire un accoglimento o la dimissione in modo graduale e rispettando le esigenze ed i tempi dei singoli.

I posti per la semi-residenza del Centro Diurno sono dieci.

I progetti della Regione Lombardia ricordano che il CRA è uno strumento di intervento ad alta riabilitazione dell’area psichiatrica e quindi non indicato per l’handicap adulto (demenza primaria, grave ritardo mentale), la patologia involutiva dell’anziano, la tossicodipendenza e le patologie HIV correlate.

I programmi promossi dal CRA vengono dichiarati nel PTR (Progetto Terapeutico Riabilitativo) dove vengono definiti, in seguito ad una attenta valutazione insieme all’ospite, obiettivi specifici e strumenti idonei al loro raggiungimento, nel rispetto delle indicazioni presenti nel PTI (Piano di Trattamento Individuale) redatto dall’inviante del CPS. Gli interventi riguardano l’area di cura farmacologica, psicologica e riabilitativa. Particolare attenzione viene posta all’autonomia (abilità di base, cura del sé, possibilità di relazione esterne al Servizio), alla consapevolezza (orientamento alla “recovery” ossia al percorso di guarigione possibile e soggettivo) e all’inclusione sociale (gestione di una casa, questione lavorativa, contatti territoriali).

E’ previsto uno spazio di confronto e di incontro con i familiari.

Per promuovere i programmi riabilitativi il CRA si avvale anche di collaborazioni con l’Associazione AsVAP4 (volontari e familiari), con l’Associazione “Il Clan/Destino”, Cooperativa SUN- CHI, col Comune di Saronno, con Associazioni e Cooperative del territorio.

Nel 2012 le notti trascorse da persone residenti sono state 6.300 mentre le giornate di pazienti semi-residenti 3.800.

              Informazioni utili

L’accesso al CRA è indiretto, l’invio avviene su presentazione del Servizio territoriale CPS che redige il Piano di Trattamento Individuale con la motivazione dell’inserimento in comunità.

L’età delle persone va dai 18 ai 50 anni; i pazienti soffrono prevalentemente di disturbo schizofrenico, disturbo dell’umore, disturbo di personalità.

Il periodo di permanenza in comunità varia dai 3 ai 18 mesi; per alcune indicazioni particolari si può chiedere una proroga all’ASL.

Le visite dei conoscenti sono previste nei giorni feriali dalle 17 alle 18,30 e nei giorni festivi nel pomeriggio.

Concordandoli con l’équipe è possibile organizzare permessi a casa.

 

Comunità Protetta a Media intensità e Residenzialità Leggera

Situate all’esterno dell’Ospedale

Tel. 02 96705610

Gestite in appalto da C.S.R. Cooperativa Sociale per Azioni

Responsabile Dott. SALVATORE SPINELLI, e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - tel. 02 96705610

L’Equipe è composta da coordinatore, psichiatra, psicologo, infermieri, educatori, OSS

Comunità Protetta a Media Intensità (CPM): 10 posti letto, con presenza di operatori nella sola fascia diurna (ore 8-20)

Residenzialità Leggera (RL): 4 posti in normale abitazione civile, vede la presenza di operatori in orari concordati durante il giorno.

Coordinatore Dott.ssa GABRIELLA FELETTI, e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - tel.02 96705610

La CPM di Saronno è una struttura residenziale a carattere riabilitativo che costituisce parte integrante dell’Unità Operativa di Psichiatria n° 5, della quale rappresenta un elemento costitutivo.

Ospita 10 persone di età compresa tra i 18 e i 65 anni che soffrono di disturbo schizofrenico, affettivo o disturbo di personalità.

Gli ospiti provengono da segnalazioni del CPS del Servizio di Saronno con il quale la Comunità ha continui rapporti di collaborazione che si concretizzano in:

  • Aggiornamenti e riunioni periodiche sui casi clinici
  • Riunioni di Dipartimento (DSM)
  • Riunione mensile con l’UOP
  • Eventuale riunione settimanale per pazienti della comunità ricoverati in SPDC

Ogni ingresso in Comunità prevede un incontro con l’équipe inviante e con il paziente, durante i quali vengono individuati gli aspetti cruciali del Piano di Trattamento Individuale (redatto dal medico inviante del CPS) e ipotizzati i temi del successivo Progetto Terapeutico Riabilitativo (a cura degli operatori della CPM).

Durante la permanenza dell’ospite vengono tenute a cadenza almeno trimestrale incontri con gli operatori del territorio al fine di sviluppare una sinergia volta a costruire ulteriori tappe del Progetto Terapeutico Riabilitativo, progetto che si concretizza in un programma terapeutico riabilitativo a termine con obiettivi individuali specifici.

                Attività

I programmi promossi dalla CPM riguardano interventi di cura farmacologica, psicologica e riabilitativa. Particolare attenzione viene posta all’autonomia (abilità di base, cura del sé, possibilità di relazione esterne al Servizio) e all’inclusione sociale (gestione di una casa, questione lavorativa, contatti territoriali). Alle attività condotte dagli operatori si affiancano i momenti condotti dai Facilitatori Sociali. E’ previsto uno spazio di confronto e di incontro con i familiari.

Gli spazi della Comunità vengono regolarmente utilizzati anche per incontri a carattere riabilitativo da parte di operatori dell’U.O.P. e la stessa cosa si verifica per i contesti istituzionali del Servizio di Psichiatria di Saronno.

La Residenzialità Leggera (RL) è una normale abitazione civile che ospita 4 pazienti su invio del CPS attraverso il PTI (Piano di Trattamento Individuale). I pazienti sperimentano una comune abitazione e la presenza di operatori è limitata a poche ore durante il giorno. Obiettivo di questa residenzialità è quello di aiutare gli ospiti a prendere contatto con le autonomie prima di recarsi in una abitazione privata.

Sono abitazioni dove, concordando con il CPS, si può prevedere anche una permanenza prolungata.

                Informazioni utili

L’accesso in CPM e RL è indiretto, l’inserimento avviene su presentazione del Servizio territoriale CPS che redige il Piano di Trattamento Individuale con la motivazione dell’inserimento in comunità.

L’età delle persone va dai 18 ai 65 anni; i pazienti soffrono prevalentemente di disturbo schizofrenico, disturbo dell’umore, disturbo di personalità; sono escluse le patologie con demenze primarie, gravi ritardi.

Il periodo di permanenza in CPM dura fino ai 36 mesi; per alcune indicazioni particolare si può chiedere una proroga. In RL non esiste limite di tempo.

In CPM le visite dei conoscenti sono previste nei momenti non occupati dalle attività.

Sono possibili permessi a casa preventivamente concordati con l’équipe.

In RL le visite vanno concordate con gli abitanti della residenzialità.

Torna a Struttura Complessa di Psichiatria UOP 5 Saronno

 

Scroll Up